venerdi 24 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Malala e Aung San Su Kyi 10/09/2017

Gen.le Ic, apprendo con sconcerto che Malala, la miracolata (in tutti i sensi), si permette di criticare una donna che con il suo esempio e la sua intera vita ha dimostrato cosa bisogna fare per combattere le dittature e sconfiggerle. Ora che questa miracolata, il cui più grande merito è essere sopravvissuta ad un attentato vile e miserabile dei suoi correligionari, si permetta di dare lezioni ad Aung San Suu Kyi è a dir poco ridicolo. La predetta Malala quante parole ha speso per la sua concittadina Asia Bibi, o per Salman Taseer, governatore del Punjab, o per il ministro cristiano Shahbaz Bhatti? Quanto ha combattuto per l'abrogazione dell'infame legge sulla blasfemia, per la fine delle feroci persecuzioni contro i cristiani pakistani volenterosamente poste in atto da governo e semplici cittadini? La premio Nobel ha mai condannato le violenze dei Rohingya?

cordiali saluti

Paola Gatti

Gentile Paola,

Malala la miracolata è stata un grande affare mediatico e un grande insulto a milioni di altre ragazzine che riescono a sopravvivere a soprusi e violenze per poi essere capaci di rifarsi una vita studiando e lavorando. Malala ha avuto dalla sua il momento storico giusto in cui tutti cercavano di trovare un esempio positivo nel caos provocato dai talebani e non se la sono fatta scappare. Le hanno fatto dire le parole magiche " Voglio studiare" e da quel momento è partita la sua fortuna. Ha ricevuto premi Nobel e Premio Sacharof, un bel gruzzolo per poter vivere di rendita tutta la vita pavoneggiandosi come eroina pakistana. Forse non è del tutto colpa sua, è stata talmente pompata che crede davvero di esserlo e di poter dare consigli a Aung San Su Kyi.
La storia, quella vera, farà giustizia.

Un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT