martedi` 26 settembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perchè l'Antisionismo è Antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Israele-Iran: le previsioni 02/09/2017

Sig.ra Fait, A Lei ed anche a tutti coloro che scrivono su IC, quali sono le possibilità che esploda un confronto militare diretto tra Israele e l'iran? Seguo giornalmente IC, ma non posso avere le Vostre conoscenze, sapere ciò che sta dietro le dichiarazioni ufficiali, soprattutto a che livello si trova IDF in confronto all'iran. Personalmente penso che si arriverà allo scontro, ma quando, con quali conseguenze per Israele? Si riuscirà ad eliminare finalmente il regime degli ayatollah e tutto ciò che ne consegue?

Un amico di Israele, Marco Magni

Gentile Marco,
probabilmente si arriverà allo scontro Israele-Iran e da quando si sono ristabilite le relazioni tra gli ayatollah e Hamas, forse la guerra è più vicina. Il ministro degli esteri iraniano Zarif ha ricevuto una delegazione di Hamas. Già in maggio Ismail Haniyeh, il capo trerrorista di Hamas aveva incontrato Alì Khamenei per parlare di soldi e aumentare i milioni di dollari che la Repubblica islamica regala al terrorismo palestinese e ad altri, dal Libano allo Yemen.
Non si può sapere se sarà l'Iran ad attaccare o se lo farà per interposta persona, cioè attraverso Hamas a sud e Hezbollah a nord.
Netanyahu ha avvisato: nessun attacco sarà tollerato nè resterà impunito. Israele è preparato, preparatissimo. L'esercito è in continuo addestramento e dotato di armi modernissime e di misure di sicurezza per la popolazione che vengono studiate e sempre migliorate.
Una guerra è pericolosa e non si può sapere come finirà ma, se malauguratamente si verificasse uno scontro diretto, dovremo ringraziare Obama e la sua politica estera dissennata.
Comunque in Israele siamo ottimisti e abbiamo piena fiducia nel nostro Primo Ministro e nei nostri soldati.

Grazie per la sua amicizia e un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT